Jump to Navigation
 

Lunedì, 30 Aprile, 2018

Fondi Ue, un quinto dei progetti non produce risultati di lungo periodo

Gli Stati membri dell’Ue devono dare maggiore enfasi alla durabilità nel tempo dei risultati dei progetti finanziati con i Fondi europei. Solo un quarto di questi, infatti, produce risultati che perdurano oltre il loro completamento. È questo il quadro che emerge dalla relazione “Sostegno Ue agli investimenti produttivi nelle imprese – È necessaria una maggiore focalizzazione sulla durabilità”, pubblicata di recente dalla Corte dei Conti europea.

La maggior parte dei progetti realizzati con le risorse del FESR ha contribuito alla creazione di posti di lavoro, all’accesso a finanziamenti e a crediti, all’aumento della produzione e della produttività. Per un quinto di essi, tuttavia, i risultati conseguiti al momento del completamento non sono stati mantenuti nel tempo. Nella metà dei casi, però, l’assenza di risultati duraturi è da attribuire al mancato aggiornamento delle informazioni relative ai progetti o a fattori fuori dal controllo dei Paesi beneficiari tra cui la crisi economica e le modifiche alla normativa nazionale.

Tra le ragioni per le quali i risultati dei progetti non durano sul lungo periodo – spiegano gli auditor Ue – ci sono carenze gestionali e di pianificazione strategica, l’utilizzo di procedure inadeguate per la selezione, per il monitoraggio e la stesura di relazioni relative ai progetti, oltre che l’applicazione non uniforme di misure correttive. Sebbene per il periodo 2014-2020 il quadro normativo abbia introdotto dei miglioramenti, occorre intervenire ancora sui criteri di selezione e sui dispositivi di monitoraggio e rendicontazione.

Per maggiori informazioni, clicca qui.

facebook


by Dr. Radut.